Impressionisti Danesi in Abruzzo

A più di un secolo dall’Esposizione Internazionale del 1911 presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma a valle Giulia, in cui la Danimarca era presente con circa sessanta artisti (tra cui il grande Vilhelm Hammershøi) e più di duecento opere, la mostra “Impressionisti Danesi in Abruzzo” ha rappresentato il primo tentativo storico-critico di una rivalutazione italiana del movimento dei pittori nordici “en plein air” della seconda metà dell’Ottocento. 

Capeggiati da Kristian Zahrtmann, che dal 1883 trovò a Civita D’Antino (Aq) la sua Arcadia, proprio in Abruzzo centinaia di pittori nordici, attratti dalla bellezza del paesaggio, decisero di infrangere le convenzioni della pittura accademica sperimentando in libertà la pittura di “impressione”. Alla Prima Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia del 1895 il padiglione danese, che includeva oltre a Zahrtmann altri artisti segnati dall’esperienza italiana, fu apprezzato da Gabriele d’Annunzio per la “sincerità della pittura”. Il flusso di pittori nordici in quell’Arcadia di Val Roveto continuò ininterrotto dal 1883 (arrivo del caposcuola Zahrtmann) fino al 1915 (anno del terremoto della Marsica), che ne segnò l’inizio della fine.

La mostra svoltasi dal 1 aprile al 2 giugno 2014 (scarica-il-pieghevole-mostra) , di circa cinquanta opere, è stata ideata da un comitato scientifico che include il prof. Marco Nocca (Accademia Belle Arti, Roma), il prof. James Schwarten (John Cabot University, Roma), il prof. Antonio Bini (esperto dei pittori danesi), e Manfredo Ferrante (curatore Archivio Ferrante). È stata promossa dalla Fondazione PESCARABRUZZO e dal suo Presidente, prof. Nicola Mattoscio, che da anni cura la collezione delle opere degli artisti nordici attraverso l’acquisizione sul mercato antiquario, e dall’Archivio Ferrante. La Fondazione PESCARABRUZZO è stata il principale prestatore dell’esposizione, arricchita anche da numerosi prestiti di collezionisti privati. Hanno partecipato con il loro patrocinio la Reale Ambasciata di Danimarca, la Presidenza del Consiglio Regionale dell’Abruzzo, la Provincia dell’Aquila, il Comune di Civita D’Antino (AQ), l’Accademia di Danimarca in Roma, l’Accademia di Belle Arti di Roma, l’Università G. D’Annunzio di Chieti- Pescara, l’Università degli Studi di Teramo e l’Università dell’Aquila. La mostra è stata sponsorizzata dall’Acqua Santa Croce, con la collaborazione della Tiger Stores Italia e del Ristorante-Enoteca Antica Osteria Zahrtmann–Civita D’Antino (AQ).

Significativa è stata la sede espositiva prescelta in virtù dello stretto rapporto dei pittori danesi con l’Esposizione del 1911: il museo Hendrik Christian Andersen, dimora dell’artista norvegese a partire dal 1924, attualmente museo satellite della Galleria nazionale d’arte moderna. Il Museo, per l’originaria destinazione e per la mission contemporanea, dedica i suoi eventi prevalentemente agli artisti nordici del XIX e XX secolo. L’allestimento è stato curato da Stefania Teodonio. Il catalogo presenta un saggio del prof. Attilio Brilli, noto esperto del Grand Tour, sul turismo storico in Abruzzo.

Il catalogo della mostra   “Impressionisti Danesi in Abruzzo” , stampato in elegante edizione limitata, è disponibile al prezzo di 25 euro. Per informazioni sull’acquisto  info@civitadantino.com

 INFORMAZIONI TECNICHE Mostra Impressionisti Danesi in Abruzzo

Curatori Marco Nocca, Manfredo Ferrante, James Schwarten

Sede Museo Hendrik Christian Andersen Via Pasquale Stanislao Mancini 20, 00196 Roma

Orari di apertura Aperto al pubblico dal 1 aprile 2014 martedì – domenica dalle 9.30 alle 19.30 (ultimo ingresso ore 19.00)

www.museoandersen.beniculturali.it

Ufficio stampa GNAM Laura Campanelli

tel.+39 0632298328 s-gnam.uffstampa@beniculturali.it

Alcune immagini dell’inaugurazione della mostra “Impressionisti Danesi in Abruzzo”

I commenti sono chiusi.