Appuntamento con la bellezza, Giornate FAI di Primavera a Civita d’Antino (14-15 aprile 2018)

Appuntamento con la bellezza, Giornate FAI di Primavera a Civita d'Antino (14-15 aprile 2018)

Le Giornate FAI di Primavera previste inizialmente per sabato 24 e domenica 25 Marzo 2018 e posticipate causa avverse condizioni meteo a sabato 14 e domenica 15 aprile 2018 rappresentano un appuntamento di assoluto prestigio per l’intera Valle Roveto, un evento nazionale di grande attrattiva, con il nobile proposito di accompagnare gli italiani a scoprire o riscoprire la bellezza che li circonda, che spesso passa inosservata o, peggio, viene dimenticata e deturpata.

“Si protegge ciò che si ama e si ama ciò che si conosce” ricorda la fondatrice Giulia Maria Crespi. Per questo le Giornate FAI, di Primavera e d’Autunno, hanno un unico destino: quello di diventare sempre più grandi, più vive e vissute, per avvicinare sempre più persone alla bellezza dell’arte, della cultura e della storia.

Posted by redazione 03 13, 18
Continua a leggere

Gli stemmi dei pittori norvegesi a Civita d’Antino

Gli stemmi dei pittori norvegesi a Civita d’Antino

In occasione della visita a Civita d’Antino di un gruppo di norvegesi comprendente la storica dell’arte Dyveke Bast e Anne Holbo, discendente del pittore Kristen Holbo, è stato realizzato a cura di Manfredo Ferrante un opuscolo in edizione limitata dal titolo “The Zahrtmann summer school of scandinavian painters – 1993-1915; Norwegian artistis” in cui sono stati raccolti e documentati gli stemmi che i seguenti artisti norvegesi lasciarono nella pensione Cerroni “firmando” il loro soggiorno a Civita d’Antino: Kristen Holbo, Anna Harildstad, Ulrikke Grove, Hedevig Jebe, Soren Onsanger, Jebe Clement Martha Caroline (Tupsy), LarsJorde, Ludwig Ravensberg, Christian Ross, Christofer Sinding Larsen, Oluf Wold Torne, Kristine Torne, Margrete Tjorswaag, Marie Tjorswaag.

Posted by redazione 10 18, 17
Continua a leggere

La storica dell’arte norvegese Dyveke Bast ritorna a Civita d’Antino

La storica dell’arte norvegese Dyveke Bast ritorna a Civita d’Antino

Il 22 settembre 2017, a distanza di un anno tornerà a Civita d’Antino la storica dell’arte norvegese Dyveke Bast, insieme ad un piccolo gruppo di connazionali. La sua presenza è legata a rapporti di collaborazione instaurati sin dal 2015 con Marco Nocca, Manfredo Ferrante e Antonio Bini, persone spontaneamente impegnate da anni nel recupero e nella valorizzazione del patrimonio culturale legato alla Scuola di Kristian Zahrtmann, curando anche una rete di rapporti con personalità della cultura scandinava. Una quarantina furono i pittori norvegesi allievi del maestro danese, di cui diversi frequentarono l’Italia e in particolare Civita d’Antino.

Posted by redazione 09 20, 17
Continua a leggere

Anteprima cartolina commemorativa e la lettera del 18 agosto 1905

Anteprima cartolina commemorativa e la lettera del 18 agosto 1905

Pubblichiamo in anteprima la cartolina commemorativa realizzata per ricordare Kristian Zahrmann a distanza di 100 anni dalla sua scomparsa. La stessa sarà presentata il 18 agosto alle ore 18 presso il Museum Antinum e poi distribuita gratuitamente ai presenti.

E’ stata scelta la data del 18 agosto anche per celebrare la ricorrenza della lettera di Zahrtmann (18 agosto 1905) sulla realizzazione del dipinto di Wilhejelm. 

Posted by redazione 08 09, 17
Continua a leggere

Civita d’Antino ricorda Zahrtmann a cento anni dalla sua scomparsa

Civita d'Antino ricorda Zahrtmann a cento anni dalla sua scomparsa

Nel centenario della morte dell’autorevole pittore danese Kristian Zahrtmann (1843-1917), Civita d’Antino ricorda lo straordinario protagonista di quel singolare cenacolo scandinavo che dal 1883 al 1915 caratterizzò il paese abruzzese che, proprio grazie a Zahrtmann, legatissimo ai paesaggi montani, ai costumi locali e alle tradizioni popolari e religiose, nonché all’innato spirito di ospitalità che avvertiva nella popolazione, divenne sede italiana della sua scuola che attirò decine di artisti provenienti soprattutto dalla Danimarca, ma anche da Norvegia, Svezia e Finlandia. Negli ultimi anni una parte significativa di opere è tornata in Italia per merito della Fondazione Pescarabruzzo.

Posted by redazione 08 08, 17
Continua a leggere